Cessione credito IVA

La Cessione del Credito IVA

Di cosa si tratta In moltissimi casi la cessione del credito IVA diventa una opportunità importante per molte aziende. Alternativa, dopo la dichiarazione annuale IVA, alla compensazione o al rimborso. Questa possibilità viene regolata dal DL 70/1988, all’articolo 5 comma 4-ter. Come appena ricordato, lo smobilizzo del credito IVA annuale può avvenire: portandolo in detrazione dalle liquidazioni periodiche dell’anno successivo utilizzandolo in compensazione per pagare altre imposte tramite modello F24 attraverso la richiesta di rimborso ex artt. 30 e 38 del DPR 633/1972 cedendolo a terzi La procedura La prima azione necessaria è quella di manifestare la propria volontà in […]

CONTINUA A LEGGERE

Abbellisci il tuo giardino o terrazzo. C’è il Bonus Verde

La recente Legge di Bilancio 2018 ha fatto debuttare il nuovissimo Bonus Verde. Una nuova speciale detrazione per proprietari ed inquilini che apportano delle migliorie al proprio balcone, terrazzo o giardino. Andiamo quindi a vedere a chi spetta e come funziona questa novità che consente la detrazione del 36% (come al solito su base decennale) con un tetto massimo di €5,000 delle spese effettuate per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza di qualsiasi unità immobiliare. Vale a dire: balconi, terrazzi e giardini oppure aree di recupero del verde storico Come funziona? A partire dal 1 gennaio 2018 […]

CONTINUA A LEGGERE

Compensazioni IVA 2018

Il quadro Dal 1° gennaio di ogni anno è possibile utilizzare in compensazione il credito Iva relativo all’anno precedente. Tuttavia esistono alcuni limiti operativi che rimangono ancorati a degli importi di credito e per i quali al contribuente spetta mettere in atto alcuni accorgimenti allo scopo di poter utlizzare il credito stesso. Fino a 5mila euro non ci sono limiti, la compensazione è libera già dalla prima scadenza del 16 gennaio 2018. Il contribuente può tranquillamente utilizzare l’importo al primo F24 utile (codice tributo 6099 – anno di riferimento 2017). Sopra i 5mila euro invece, il contribuente dovrà attendere il 10° giorno successivo […]

CONTINUA A LEGGERE