Sei qui: Home IVA La Comunicazione Dati IVA 2016

Le nostre sedi

image image image image
Roma
Dubai
New York
London
* * * *

La Comunicazione Dati IVA 2016

Come ogni anno entro il 29 febbraio 2016 (il 28 scadenza originaria cade di domenica) i contribuenti titolari di P. IVA sono obbligati, fatta salva un’eccezione, a presentare la Comunicazione dati IVA.

La Comunicazione Dati IVA rispetta quanto previsto dall’art. 252 della Direttiva 2006/112/UE, circa l’obbligo di fornire le informazioni relative alle operazioni attive e passive effettuate dai contribuenti entro il secondo mese successivo al termine del periodo d’imposta (quindi 28/2), ciò al fine di calcolare le risorse che competono all’UE. Pertanto, se ai più appare come un adempimento del tutto inutile poiché i dati comunicati e riassunti nella Comunicazione dati IVA vengono poi inglobati nella dichiarazione IVA, in realtà tale adempimento è un obbligo comunitario. Al fine di ovviare a tale piccolo inconveniente, la L. 190/2014, Legge di Stabilità per l’anno 2015, ha previsto che i termini di invio della Dichiarazione IVA annuale fossero anticipati al 28 febbraio di ogni anno, al fine di permettere la contestuale cancellazione dell’obbligo di invio della comunicazione annuale dati IVA previsto dall’art. 8 – bis, D.P.R. 322/1998. In realtà tale accorgimento sarà valevole per l’anno d’imposta 2016, il che significa che la Comunicazione Dati IVA verrà definitivamente eliminata per l’anno di imposta 2016 e sostituita dalla presentazione in via autonoma della Dichiarazione IVA annuale, quindi a valere sull’adempimento dell’anno 2017. Per l’anno d’imposta 2015, la situazione è la seguente mitigata e mutuata da alcune modifiche normative. Il contribuente potrà pertanto:

  • presentare la Dichiarazione IVA in forma unificata entro il 30.09.2016, con l’obbligo di presentare la Comunicazione annuale dati IVA entro il 29.02.2016 (il 28.02 cade di domenica);
  • presentare la Dichiarazione IVA in forma autonoma, ovvero sganciata dal Modello Unico, dal 1° febbraio ed entro il 30 settembre 2016

SOGGETTI OBBLIGATI

Sono obbligati alla presentazione della comunicazione, fatta salva la presentazione della dichiarazione annuale IVA in via autonoma, tutti i contribuenti:

  • titolari di partita Iva;
  • nonchè tenuti alla presentazione della relativa dichiarazione annuale,

anche se nell’anno non hanno posto in essere operazioni imponibili o non siano tenuti ad effettuare liquidazioni periodiche. In particolare:

  • le persone fisiche, titolari di partita IVA con un volume d’affari superiore, nell’anno 2015, ad euro 25.000;
  • le società di persone e di capitali, indipendentemente dal volume d’affari conseguito nell’anno 2015.

SOGGETTI ESCLUSI

  • le persone fisiche, titolari di partita IVA con un volume d’affari inferiore, nell’anno 2015, ad euro 25.000;
  • i contribuenti che per l’anno cui si riferisce la comunicazione sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione annuale IVA (ad esempio coloro che hanno effettuato solo operazioni esenti);
  • i produttori agricoli esonerati dagli adempimenti ai sensi dell’art. 34, comma 6 del D.P.R. 633/72;
  • gli esercenti attività di organizzazione di giochi, di intrattenimenti ed altre attività indicate nella tariffa allegata al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 640, esonerati dagli adempimenti IVA ai sensi dell’art. 74, comma 6, che non hanno optato per l’applicazione dell’IVA nei modi ordinari;
  • le imprese individuali che abbiano dato in affitto l’unica azienda e non esercitino altra attività rilevante agli effetti dell’IVA nell’anno cui si riferisce la comunicazione;
  • i soggetti passivi d’imposta, nell’ipotesi di cui all’art. 44, comma 3, secondo periodo del D.L. 331/93, qualora abbiano effettuato nell’anno d’imposta solo operazioni non imponibili, esenti, non soggette o comunque senza obbligo di pagamento dell’imposta;
  • i soggetti che hanno esercitato l’opzione per l’applicazione delle disposizioni recate dalla Legge 16 dicembre 1991, n. 398 esonerati dagli adempimenti IVA per tutti i proventi conseguiti nell’esercizio di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali;
  • i soggetti domiciliati o residenti fuori dall’Unione Europea, non identificati in ambito comunitario, che si sono identificati ai fini dell’IVA nel territorio dello Stato con le modalità previste dall’art. 74-quinquies per l’assolvimento degli adempimenti relativi ai servizi resi tramite mezzi elettronici a committenti non soggetti passivi d’imposta domiciliati o residenti in Italia o in altro Stato membro;
  • i soggetti di cui all’articolo 74 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, e cioè: gli organi e le amministrazioni statali, i comuni, i consorzi tra enti locali, le associazioni e gli enti gestori di demani collettivi, le comunità montane, le province e le regioni, gli enti pubblici che svolgono funzioni statali, previdenziali, assistenziali e sanitarie, comprese le aziende sanitarie locali e gli enti privati di previdenza obbligatoria che svolgono attività previdenziali e assistenziali;
  • i soggetti sottoposti a procedure concorsuali;
  • i contribuenti che si avvalgono del regime forfetario per le persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni previsto dall’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190;
  • le persone fisiche che si avvalgono del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all’art. 27, commi 1 e 2, del Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Legge 15 luglio 2011, n. 111;
  • i contribuenti che presentano la dichiarazione entro il mese di febbraio, come previsto dall’art. 8-bis, secondo comma, ultimo periodo del D.P.R. n. 322 del 1998, introdotto dall’art. 10 del D.L. n. 78 del 2009.

TERMINI E MODALITA' DI PRESENTAZIONE

La Comunicazione deve essere presentata esclusivamente in via telematica, non essendo ammessa la presentazione tramite banche o uffici postali. Al relativo adempimento il contribuente può attendere sia direttamente che per il tramite di intermediari abilitati (commercialisti, consulenti del lavoro, Caf, associazioni di categoria o tramite una società appartenente allo stesso gruppo di controllo). Il termine, come detto in apertura è previsto per il giorno 29 febbraio 2016, cadendo il 28 di domenica.

FIRMA DIGITALE

ATTENZIONE! Il nostro studio è INCARICATO AUTORIZZATO dalla CCIAA di Roma per la sottoscrizione e la distribuzione agli utenti del dispositivo di firma digitale. Leggi tutte le info cliccando sull'immagine.