Sei qui: Home Dichiarazioni Proroga Versamenti Unico 2014

Le nostre sedi

image image image image
Roma
Dubai
New York
London
* * * *

Proroga Versamenti Unico 2014

Premessa

 Secondo quanto previsto dal DPCM, per i contribuenti che applicano gli studi di settore e per i contribuenti minimi i versamenti in scadenza ordinaria al 16 giugno 2014 potranno essere effettuati:

-  entro il 7 luglio, senza alcuna maggiorazione;

- dall’8 luglio al 20 agosto con lo 0,40% in più.

I soggetti interessati

 La proroga dei versamenti di Unico 2014 interessa i contribuenti che:

-  adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità ex art. 27, commi 1 e 2, del D.L 98/2011 (c.d. “regime dei superminimi”);

-  interessati dagli studi di settore, ossia:

  • le persone fisiche (imprenditori o lavoratori autonomi) che esercitano un’attività d’impresa/lavoro autonomo per la quale è stato elaborato il relativo studio di settore;
  • i soggetti diversi dalle persone fisiche (ad esempio, sas, snc, srl, spa) a condizione che:
    • esercitino un’attività per la quale è stato elaborato lo studio di settore e non siano esclusi dall’applicazione dello stesso a causa di ricavi/compensi superiori a € 5.164.569. Non possono fruire della proroga i soggetti che, avendo ricavi/compensi 2013 superiori a € 5.164.569 ma non a € 7.500.000, non applicano gli studi di settore ma sono comunque tenuti a compilare i relativi modelli;
    • siano tenuti, in base al termine ordinario, ad effettuare il versamento delle imposte derivanti dal mod. UNICO/IRAP 2014, entro il 16.6.2014. Non possono quindi fruire della proroga, ad esempio, le società che approvano il bilancio nel mese di giugno usufruendo del maggiore termine di 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio, in quanto le stesse sono “naturalmente” tenute ad effettuare i versamenti entro il 16.7 (20.8 con la maggiorazione dello 0,40%).

L’operatività della proroga prescinde dell’effettiva applicazione dello studio di settore e pertanto riguarda anche i soggetti interessati da una causa di esclusione/inapplicabilità, così come chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 6.7.2007, n. 41/E, ferma restando l’esclusione dalla proroga per coloro che hanno conseguito ricavi/compensi superiori a € 5.164.569.

Il beneficio è esteso anche ai soggetti titolari di redditi di partecipazione in società che esercitano attività per le quali è previsto lo studio di settore, ossia ai:

  1. vcollaboratori impresa familiare;
  2. vsoci di società di persone;
  3. v soci di associazioni professionali;
  4. vsoci di società di capitali trasparenti.

 

FIRMA DIGITALE

ATTENZIONE! Il nostro studio è INCARICATO AUTORIZZATO dalla CCIAA di Roma per la sottoscrizione e la distribuzione agli utenti del dispositivo di firma digitale. Leggi tutte le info cliccando sull'immagine.